#ICF

Tempo fa, una collega mi ha chiesto un manuale perché per quest’anno aveva accettato una supplenza sul sostegno.
Non ho potuto dare una risposta e ho suggerito di leggere la diagnosi del bambino prima ancora di cercare un libro, mi sono resa disponibile e poi nulla.
Ripenso spesso ad alcuni incontri, confronti e scontri, alle convinzioni di alcuni sul ruolo dell’insegnante di sostegno.
Ecco, avrei voluto dire alla mia collega che essere insegnante e lavorare con la disabilitata’ non e’ un mestiere che si improvvisa seguendo un manuale o fotocopiando schede.
Avrei voluto anche aggiungere che lavorare con la disabilità richiede prima ancora di un titolo studio, la capacità di creare e mantenere relazioni, di un’indole generosa e altruista e di essere meno maestrina.
Richiede resilienza e entusiamo perché bisogna gioire anche di piccoli passi, perché per percorrere una strada i nostri alunni hanno bisogno di tanti, tanti piccolissimi passi.
L’ottimismo e la fiducia di un altro piccolo passo è la chiave del nostro successo lavorativo e del loro percorso di vita, quindi se cerchi tutto questo in un manuale, NON esiste!
Buon lavoro e buona vita…
Antonella

L’empatia nel gruppo classe per un clima positivo

Se sei alla ricerca di materiali didattici

Accedi gratuitamente alle risorse didattiche

Per rimanere sempre aggiornato iscriviti alla Newsletter

    Ti è piaciuto l'articolo?

    Condividilo!

    Clicca Mi piace!

    Salva su Pinterest

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

    WhatsApp chat