Come migliorare la comprensione del testo?

Comprendere un testo significa costruire una rappresentazione coerente del significato del testo, chiamata “modello mentale”( Johnson- Laird, 1983).

Nella costruzione della rappresentazione mentale sono  coinvolti differenti processi e variabili, che se adeguatamente attivati, consentono al lettore,  in questo caso, il  ” buon lettore” di comprendere il testo.

Cosa fa il buon lettore?

UTILIZZA STRATEGIE!

Il “buon lettore”  si approccia alla lettura di un testo in modo consapevole e strategico, per fare ciò attua una serie di iniziative, tra cui:

  • seleziona le informazioni rilevanti presenti nel testo;
  • coglie nessi spaziali e temporali per poter creare una rappresentazione mentale di quanto letto;
  • individua i nessi causali tra gli eventi e gli scopi dei personaggi;
  • integra le frasi sia sul piano morfo-sinttattico sia semantico, riuscendo ad individuare e comprendere la coerenza locale (anafore);
  • trova il senso generale del testo;
  • collega le informazioni presenti all’interno del testo;
  • elabora inferenze attraverso le conoscenze pregresse e riuscendo a raggiungere una buona coerenza globale.

Per migliorare la comprensione del testo

potrebbe essere utile far riflettere lo studente sull' utilizzo delle strategie e sul modo di approcciarsi alla lettura e alla comprensione di un testo.

Per diventare un buon lettore

è necessario attivare delle strategie apprese, ma anche essere dotati di funzioni cognitive e metacognitive adeguate.

Quindi, quando uno studente presenta difficoltà nella comprensione, sarebbe opportuno indagare le funzioni cognitive carenti  e i processi che mette in atto per comprendere un testo, tra cui:

  • Funzioni Cognitive ( memoria di lavoro, memoria verbale a breve termine, abilità linguistiche e attentive)
  • Processo Metacognitivo
  • Approccio al testo e utilizzo di strategie
  • Aspetto motivazionale

Un “cattivo lettore” potrebbe evidenziare delle funzioni cognitive carenti e/o mettere in atto strategie inefficaci durante la lettura di un testo.

Cosa fare?

- agire sulle aree cognitive deficitarie, con potenziamenti ad hoc;
- insegnare delle strategie
- quando necessario compensare le difficoltà con opportune strategie di tipo didattico.

Se sei alla ricerca di materiali didattici gratuiti ACCEDI alle

Se sei alla ricerca di  strumenti compensativi  ACCEDI

Per rimanere sempre aggiornato iscriviti alla Newsletter

Ti è piaciuto l'articolo?

Condividilo!

Clicca Mi piace!

Salva su Pinterest

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WhatsApp chat